Il postino viene sempre due volte

Quella volta che masturbai il postino, due volte di fila

Ero in cucina a preparare il pranzo quando ho visto il postino che camminava lungo il sentiero. Ho aperto la porta interna e lui mi disse: “Avrei un pacco da consegnare per il signor Francesco”. “Sono io“, gli risposi, mentre notavo che con la sua mano stava mandando via le zanzare. Ho lasciato la porta esterna chiusa e ho gridato: “Aprirò la porta del garage, vieni sul retro”. Quando ci siamo incontrati nel garage, gli dissi: “Scusami, ma non voglio quelle fastidiose zanzare in casa”. “Nessun problema”, ha detto.

Ho abbassato la porta del garage. Aveva circa trentacinque anni. Alto, snello, dall’aspetto curato e splendido come l’inferno. Era ben rasato, capelli brizzolati, portava gli occhiali e indossava pantaloncini… Che mi sarebbe piaciuto abbassare! Aveva un pacchetto per me, con una ricevuta che dovevo firmare. Firmai la sua ricevuta, e lui strappò la mia copia dal suo blocco. Me la diede insieme al pacco.

Hai mai pensato di spruzzare un repellente per insetti, così da eliminare le zanzare che ti danno fastidio?“.
No. Sono allergico alla maggior parte di essi“.
Hai mai provato l’olio di menta piperita o lavanda?” gli dissi.
No, non l’ho mai provato“.
Io tenevo una bottiglia d’acqua mescolata con olio di menta piperita nel garage e un’altra in casa per scoraggiare mosche, zanzare e altri insetti. Raggiunsi lo scaffale dove tenevo la bottiglia e gli chiesi: “Vuoi che te ne spruzzi un po’?“.
Certo, lo provo volentieri“.
Copri la faccia con le tue mani e ti spruzzerò lì prima“.
Lo fece, e io spruzzai le sue mani e la schiena ed entrambi i lati della sua testa. Rabbrividì, “Brrr, è freddo!“.
Io risi e dissi, “Si, è più fresco della temperatura corporea“.
Annusò e osservò: “Andrò a casa da mia moglie con questo buon profumo e si chiederà se ho visitato una casa di malaffari!“.
Se lo dovesse fare, le chieda come sa che odore ha?“.
Rise, “Lo farò, ahhahhahah!
Vuoi che lo spruzzi sulla tua camicia, o, se alzi la camicia, posso spruzzare direttamente sulla tua pelle?“.
Ci pensò un po’, poi sollevò la camicia.

Spruzzai la parte anteriore e posteriore e i lati. Ancora una volta tremò per il liquido freddo. Spruzzai pure le sue gambe dopo. Poi arrivò la parte difficile. “Dovrei spruzzare i pantaloncini o vuoi abbassarli prima?“.
Non indosso biancheria intima, vedrai il mio salsicciotto…” protestò.
Non temere, ho già visto qualche salsicciotto prima“.
Sorprendentemente, slacciò il bottone e la cerniera, e i pantaloncini caddero ai suoi piedi. Aveva una folta macchia di peli pubici, ma vidi che il suo cazzo era lungo circa 10 centimetri, abbastanza grosso e circonciso. Era bello e liscio e rosa! Il suo scroto era di buone dimensioni con un paio di gustosi testicoli.

Mi spostai intorno alla sua schiena e spruzzai il suo culo. Era peloso! “Brrrrrr! Dannazione, è freddo“.
Ridacchiai e mi spostai verso la sua parte anteriore dicendogli “Se mi sollevi il cazzo, io spruzzo prima lo scroto“. Lo fece. Così diedi una generosa spruzzata alla sue palle. Lasciò cadere il suo cazzo, ed spruzzai anche lui.
L’acqua può essere fredda amico, ma lì in basso ti sta scoppiando qualcosa amico“.

Guardò in basso e disse: “Dannazione, ultimamente non sta facendo niente e questa situazione mi ha davvero eccitato!
Coraggiosamente, allungai la mano e avvolsi le dita intorno al suo cazzo. Lo accarezzai avanti e indietro. Non so se sia stato più scioccato o più sorpreso, non disse mai nulla. Inoltre, non pensò nemmeno a fermarmi. Mi mossi al suo fianco per avere un angolo migliore.
Hai grandi nocciole qui, si spara un grande carico?“, ridacchiò divertito! “Piuttosto grande, credo. Lo facevo quando ero più giovane e mi masturbavo continuamente. Ora, ho orgasmi nella figa di mia moglie, quindi non vedo quanto c’è“.

Era completamente eretto e io accelerai i miei colpi con la mano destra. La mia mano sinistra invece massaggiava le palle e le accarezzava. Lui ci era immerso con tutto il cuore. I suoi fianchi andavano avanti e indietro. Respirava rapidamente e gemeva. Io diminuì un po’ i colpi, ma i suoi fianchi continuavano ad un ritmo veloce. Con un potente sussulto, eiaculò!

Il primo e il secondo spruzzo schizzarono sul pavimento. I colpi successivi ridussero la distanza. Il suo sperma era bianco crema ed era simile al budino. Un carico piuttosto buono. Io continuavo ad accarezzargli il cazzo. L’eiaculato finale dribblò sul pavimento. Il suo cazzo rimase semi-duro, così continuai ad accarezzarlo leggermente e delicatamente. Non poteva resistere! “Sei pronto per un altro colpo?“.
Non lo so. Sono passati anni da quando sono venuto due volte in un giorno“.
Devo continuare?“.
Cazzo, si!“.

La mia mano sinistra si protese tra le gambe. “Allarga un po’ le gambe“. Quando lo fece, presi in mano le sue palle e giocai un po’ con loro mentre la mia mano destra gli accarezzava il cazzo. “Come ci si sente?”, “Mmmmmmm, dannatamente bene“.
Un uomo ti ha mai masturbato prima?“.
No. Quando andavo a scuola ci facevamo le seghe in cerchio, ma non ci siamo mai toccati l’un l’altro“.
Vorresti venire ancora adesso?“.
Diavolo si, è tutto fottutamente fantastico!“.

Aveva iniziato a spingere i fianchi avanti e indietro a tempo con le mie carezze. Percepii che sarebbe venuto presto, così ho stretto la mia presa e accarezzato più velocemente. Le dita della mia mano sinistra schiacciavano le palle e il mio pollice era premuto contro il suo perineo. Boccheggiò ed eiaculò. Un altro buon carico, un po’ meno di prima. Continuai a mungere il suo cazzo, ma mi fermò. “È troppo sensibile ora“.

Gli diedi un asciugamano di carta per pulirsi il cazzo. Quando finì, si tirò su i pantaloncini, li abbottonò e chiuse la cerniera.
Questo è il nostro piccolo segreto, giusto?“.
Si, di sicuro“.

Spari un sacco, amico” lo guardai indicando lo sperma sul pavimento”.
Rise. “Sembra che ne avessi davvero bisogno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *