Le due giovani coinquiline francesi arrapate

Troie francesi

Quando l’opportunità bussa alla porta bisogna aprire, se si tratta di due troiette francesi meglio ancora per il giovane Danny.


Ricordando le mie gesta sessuali ai tempi dell’università, capii che volevo riviverne alcune e così pensai di metterle su carta e di condividerle con voi. Spero che vi piaccia leggerle tanto quanto a me è piaciuto farlo!

Durante il mio primo anno all’università, passai un periodo in una casa enorme e vecchia. Ogni stanza aveva soffitti alti e alcune, compresa la mia, avevano anche un caminetto. Trovai la casa grazie a un amico francese che viveva lì all’epoca.

Dopo averla visitata un paio di volte, pensai che la stanza e la posizione fossero migliori della mia piccola schifosa cameretta nel collegio/residenza. Scusandomi con il direttore, riuscii a rompere il mio contratto e mi trasferii subito in quella casa enorme.

Era un bel pomeriggio d’inverno e la mia amica e coinquilina Magalie era appena tornata da un’escursione con la sua amica Louise. Essendo appena stato in palestra, ero sotto la doccia, cercando di rinfrescarmi, quando qualcuno bussò alla porta.

“Danny! Allez! Devo fare pipì!!!” Magalie era sempre schietta, amavo i suoi atteggiamenti da ragazzina. Saltai fuori e mi avvolsi un asciugamano intorno alla vita, aprendo la porta; lei quasi irruppe fino a quando non vide che indossavo solo un asciugamano.

Sia lei che Louise stavano in piedi a guardarmi, sorridendo sfacciatamente. Io ricambiai gli sguardi. Magalie indossava una maglietta corta che mostrava la sua pancia sexy e tonica e solo un paio di collant neri trasparenti, sopra le sue mutande di cotone bianco.

Riuscivo a distinguere i muscoli delle sue gambe forti. Louise indossava solo una lunga felpa che le copriva le mutande, facendomi intravedere le sue lunghe cosce morbide sotto. Tutti e tre ci stupimmo allo stesso tempo, mentre le ragazze spingevano in avanti e mi spingevano fuori dal bagno.

Le sentii chiacchierare e ridacchiare in francese, mentre tornavo nella mia stanza per asciugarmi e vestirmi. Ero riuscito a mettermi solo i pantaloni da jogging e una maglietta, quando Magalie gridò aiuto.

Mentre entravo nella loro stanza, le vidi: erano entrambe inginocchiate davanti al caminetto, piegate in avanti per cercare di preparare la legna e la carta.

Era uno spettacolo sorprendente: le natiche rotonde di Magalie nelle mutandine di cotone, con la calzamaglia e un assaggio di ciò che Louise nascondeva prima, mutandine nere con il bordo di pizzo, appena visibili sotto la felpa.

Louise era un po’ più rotondetta di Magalie, linee più morbide e seni più pieni, ma oh che sexy! “Dai, si gela qui dentro, accendi il fuoco per noi!
Magalie saltò in piedi, lanciandomi la scatola di fiammiferi, mentre si tuffava su uno dei due materassi singoli che componevano il suo letto sul pavimento.

Accesi il fuoco in poco tempo, e girandomi per vedere cosa sarebbe successo dopo, le due ragazze erano sotto le lenzuola del letto, sorridendomi. “Sai che il modo migliore per scaldarsi è condividere il calore del corpo, vuoi stare un po’ con noi?” mi chiese Magalie, dando una pacca sul letto.

Stavo per andare a fare un po’ di lavoro, ma poi pensai di avvicinarmi a Magalie, a letto. Lei tirò indietro la trapunta per farmi saltare dentro. Il maglione di Louise si era alzato, mostrando le sue incredibili curve e le sue belle mutande.

Esitai solo un secondo prima di saltare dentro con loro, Magalie mi prese subito il braccio e se lo passò intorno a lei, usandolo come cuscino e mi baciò la guancia.
Girai la testa per sorriderle e lei mi baciò le labbra, indugiando solo una frazione di tempo in più di un bacetto. “Anche Louise ha freddo, ti dispiace? Si gelava in montagna!

Offrendo a Louise l’altro braccio, finii in mezzo alle due calde ragazze francesi.
Magalie non si trattenne e mi fece scivolare la mano sotto la maglietta sulla pancia.
Oh che bello, la palestra ti fa davvero bene!” dichiarò, mentre lasciava che la sua mano passasse sul mio stomaco, arrivando anche al petto.

Wow, mi piace anche questo!” “Sì, ma anche tu non sei messa male!” replicai, arrivando intorno a lei fino alla pancia, facendole inavvertitamente il solletico, facendola dimenare e premendo più forte il suo corpo contro di me.

Lasciò che la sua gamba scivolasse sopra la mia, spingendomi i pantaloncini più in alto, solo il sottile tessuto dei suoi collant teneva la nostra pelle separata.

Louise devi sentire questo!” Magalie invitò la sua amica, che avevo conosciuto solo pochi giorni prima, a palparmi. Era bello avere queste due ragazze che mi mettevano le mani su tutto il torso.

Il problema era che mi stavano provocando una reazione nei pantaloncini, e non era qualcosa che potevo nascondere facilmente, sdraiato sulla schiena con le braccia immobilizzate.

Mi voltai di nuovo a guardare Magalie, lei sorrise, mi baciò di nuovo, succhiandomi le labbra questa volta. Sentii Louise alzare la testa e pensai che ci avrebbe lasciati, ma lei voleva semplicemente vedere meglio quello che stavamo facendo.

Quando ci staccammo dal bacio, Magalie si alzò, portò il viso di Louise al mio, io istintivamente girai la testa in tempo per far incontrare le mie labbra con le sue.

Abbiamo subito iniziato a leccarci e a succhiarci le labbra a vicenda. Magalie non perse tempo e mi fece scivolare la mano giù per il corpo fino ai pantaloncini, afferrando il mio cazzo che si indurì rapidamente attraverso il tessuto.

Risposi lasciando scivolare la mia mano sulle sue natiche. Il suo culo rotondo lo sentivo sodo attraverso i suoi collant. Fece scivolare la testa giù per il mio petto, sollevando la mia T-shirt in modo che potesse succhiare e mordermi i capezzoli, mentre accarezzava il mio cazzo attraverso i pantaloncini, questo mi permise con il mio braccio libero di palpare il seno di Louise.

Mentre ci baciavamo, massaggiai ogni seno a turno. Magalie nel frattempo mi baciava più giù la mia pancia fino all’ombelico. Mi fece scivolare la mano dentro i pantaloncini, facendo scorrere la punta di un dito intorno alla testa del mio cazzo, diffondendo il pre-cum che era già uscito, facendomi gemere nella bocca di Louise.

Louise deve aver preso questo come incoraggiamento e fece scivolare anche lei la mano nei miei pantaloncini, stringendo le mie palle, mentre le nostre lingue ballavano l’una con l’altra.

Le sollevai la felpa per arrivare ai capezzoli. Felice che non indossasse il reggiseno, le feci scorrere le dita intorno ai capezzoli già duri, pizzicandoli delicatamente, facendola gemere e ridacchiare. Magalie nel frattempo spingeva i miei pantaloncini verso il basso per liberare la mia erezione gocciolante.

Mentre avvolgeva le sue dita fredde intorno al mio fusto, io sussultavo e mi staccai dal bacio con Louise. “Cazzo le tue mani sono fredde!” Magalie ridacchiò e continuò, pompando lentamente il mio grosso uccello su e giù. Guardai Louise, le sue mutandine sexy erano così invitanti che la tirai su verso di me.

Vieni qui, voglio assaggiarti…” le dissi affamato. Sorrise e si inginocchiò per togliersi le mutande. “No, lasciatele! Ti voglio così!” La trascinai su di me, prendendomi le ginocchia da entrambi i lati del viso, e vidi che le mutandine erano già inzuppate.

Intorno ai bordi, alcuni peli pubici vaganti stavano spuntando; quasi venivo lì, una vista così sexy e Magalie che pompava sul mio cazzo! Portai la mia bocca al suo intimo bagnato, aveva avuto queste mutandine addosso tutto il giorno e ora con i suoi succhi freschi, ero in paradiso. Aveva un sapore così cremoso.

Feci scorrere la mia lingua lungo la sua fessura, spingendo il tessuto inzuppato tra le labbra della figa, prima di afferrarle le natiche. Si contorceva e gemeva di gioia per l’improvviso assalto di piacere. Non ne avevo abbastanza delle sue mutandine cremose, succhiando i suoi succhi, mentre la mia lingua devastava il suo clitoride.

Nel mio attacco di lussuria animale, quasi dimenticavo che Magalie lavorava ancora il mio cazzo! Guardai giù, aveva la testa appoggiata sul mio stomaco, guardando il mio cazzo da vicino mentre pompava con la mano costantemente su e giù, diffondendo il mio pre-cum intorno alla testa sensibile.

In questa posizione potevo facilmente raggiungere il suo culo, la mia mano poteva sentire le sue morbide chiappe e anche in mezzo. Aprì le gambe per me, così che raggiunsi e iniziai a strofinare la sua figa attraverso i suoi collant e le mutandine, ma volevo di più.

Le tirai giù a metà in modo da poter far scorrere la mia mano con facilità. Usando la parte posteriore della mia mano per spingere il tessuto via, raggiunsi le sue grandi labbra della figa. Feci scorrere una punta del dito lungo le sue labbra fino al suo clitoride, non era molto bagnata.

Separai le labbra e feci scivolare un dito in mezzo, che fu premiato con l’umidità mentre la punta del mio dito toccava la sua apertura. Sfregai la sua umidità intorno alle sue labbra e al clitoride mentre la mia lingua spingeva le mutandine di Louise più dentro di lei, esponendo le sue labbra pelose della sua fica.

Facevo le cose all’unisono: mentre il mio dito si immergeva più in profondità nella figa sempre più scivolosa di Magalie, succhiavo la figa di Louise nella mia bocca, facendo inzuppare sempre più le sue mutandine.

Feci scivolare l’altra mano sotto il tessuto sottile, stringendo completamente la sua natica, sentendo il calore che c’era tra di loro. Il mio succhiare e leccare deve averla mandata oltre il limite, perché venne rapidamente, con un breve grido, il suo corpo tremò prima di crollare al mio fianco.

Oh oui, trés bien, Danny” respirava e diceva affannosamente. Magalie, si voltò per vedere cosa stava succedendo e si arrampicò su di me, baciandomi, prima di rendersi conto che la mia bocca era coperta dalla deliziosa crema della sua amica.

All’inizio non fu così entusiasta, ovviamente non aveva mai provato il sapore intimo di un’altra donna, ma appena si leccò le labbra, volle di più. Mi baciò la bocca con forza e leccando l’eccesso dal mento e dalle labbra.

Stava sfregando la sua figa contro la mia erezione dura come la roccia con le sue mutande e i collant ancora a metà lungo le natiche.

Le afferrai il culo selvaggiamente, tirando la sua figa contro il mio bacino, le mie dita che intanto cercavano più giù fino a che, con la punta delle dita raggiunsi il suo piccolo ano stretto che dimenava con piacere.

Rotolò sopra, la spinsi un po’ fuori, prima di sollevarla sulle sue ginocchia, Louise ci guardava acutamente, tenendosi la mano fra le sue gambe e gustandosi la scena.

Spinsi le mutandine di Magalie sotto le natiche, così potevo vedere il mio cazzo mentre sollevavo la sua maglietta e afferravo i suoi piccoli seni vivaci attraverso il reggiseno.

Con l’altra mano raggiunsi la sua figa, un cespuglio splendido che mi salutava in cima alle sue labbra bagnate. Strofinai il suo clitoride con una mano e pizzicavo i suoi capezzoli con l’altra, alternando lo sfregamento del mio cazzo tra le natiche, per poi tirarlo indietro per spingerlo sotto di lei, per strofinare la mia testa e l’uccello intorno alla sua apertura.

Oh, scopami, Danny, smettila di stuzzicarmi!” mi disse sorridendo, cadendo in avanti sulle sue mani e agitando il suo culo incredibile. Guidai il mio cazzo alla sua apertura bagnata, mentre tenendo il suo fianco con l’altra mano, tirai la sua schiena su di me. Anche se abbastanza stretto, riuscii a far scivolare dentro abbastanza facilmente con il mio pre-cum e la sua crema lubrificante.

Oh, oui! Baise-moi, Danny!” Si lamentava, abbassando la testa sulle braccia, mentre io costruivo un ritmo costante. Guardando giù potevo vedere qualche pelo tra la sua figa e l’ano, fino ad oggi, trovo ancora quella vista sia sexy ed eccitante!

Afferrai le sue natiche, mentre facevo scivolare il mio cazzo duro dentro e fuori di lei, che gemeva e ansimava ogni volta. Louise sdraiata al nostro fianco, con una mano nelle mutande, si strofinava il clitoride, con l’altra mano si stuzzicava i capezzoli mentre guardava, sorridendo.

Spinsi il pollice tra le natiche di Magalie, spingendolo di nuovo contro il suo ano.
Oui, Danny, dans mon cul!” mi respirava ovviamente vicino e mi sussurrava queste parole. Non avevo idea di quello che stava dicendo, ma lo presi come positivo.

Sentivo sempre più vicino il mio orgasmo a poco a poco, mentre facevo scivolare il pollice giù sopra i peli alla sua figa e riuscii a spingerlo dentro un po’ insieme con il mio cazzo.

Spinsi più forte, sbattendo il mio cazzo in lei, le mie palle schiaffeggiavano contro di lei e lasciai che il mio pollice spingesse all’interno, prima che lei gridasse, lasciando che tutta la casa sapesse che lei era venuta!

Sentirla così e sentire le sue pareti della figa che mi spremevano il cazzo mi sfinì, ed esplosi dentro di lei, prima che cadesse in avanti, tirandomi fuori mentre venivo, sparando schizzi di sperma sulle sue mutande e glutei.

Nel frattempo, Louise respirava più forte e si strofinava più velocemente, venne di nuovo alla vista della sua amica coperta dal mio sperma appiccicoso.

Finalmente mi sdraiai tra le due ragazze, tutti e tre a riposare in un bagliore disordinato e soddisfatto davanti al fuoco ruggente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *