La moglie puttana e il marito cornuto

Il marito guardone che spia la moglie infedele mentre scopa con un altro sul divano di casa.

Una notte piuttosto fredda all’inizio della primavera, stavo dormendo nella mia camera da letto quando fui svegliato di colpo da un sogno molto vivido. Inizialmente ero in preda al panico, probabilmente provavo ancora emozioni inerenti il sogno che stavo facendo. Mi girai per coccolare mia moglie, nel tentativo di rilassarmi e tornare a dormire. Il culo sinuoso e morbido di mia moglie, mi calmava sempre la notte.

Con mia sorpresa, il suo lato del letto era vuoto. Nella mia vista offuscata dall’oscurità della stanza cercai di vedere se era lì, ma inutilmente. Notai che una delle luci del corridoio era accesa, quindi mi alzai piano dal letto. Temevo il peggio. Clara non è mai stata il tipo da stare alzata fino a tarda notte, anzi era una specie mattiniera.

Camminai lentamente nel corridoio. Sentii dei rumori provenienti dal soggiorno. Mi avvicinai al soggiorno, ma mi fermai di colpo nel momento in cui capii che tipo di rumori erano. Sentivo mia moglie gemere, contorcersi, cercando disperatamente di smorzare i suoi suoni mentre era completamente presa da quel che stava facendo.

Non era una di quelle che si masturbavano quando non c’ero. Diceva che le sembrava brutto, quindi pensai che stava cercando di farlo in segreto. Mentre stavo per girarmi e guardare nella stanza, rimasi impietrito e mi incollai al muro sentendo ciò che stava dicendo: “Michele, oh Michele. Cazzo!”, stava dicendo sottovoce.

Mi gelò il sangue nelle vene per lo shock di quello che stava dicendo. Perché stava fantasticando sul suo amico Michele? Proprio mentre decisi di irrompere e interromperla, sentii quello che chiaramente era un grugnito maschile. Sbirciando dietro l’angolo, vidi mia moglie sul nostro divano, distesa con le gambe aperte. Tra le sue gambe c’era Michele.

Clara e Michele erano si erano conosciuti durante le lezioni di teatro. Clara aveva più volte cercato di rassicurarmi che tra di loro non c’era nulla, ma ho sempre saputo che non era così. Gli uomini intelligenti capiscono sempre quando gli uomini vogliono una donna. Avrei dovuto sentirmi arrabbiato o distrutto, ma non lo ero. La scena di Michele mentre divorava la figa di mia moglie mandò tutto il mio sangue dritto al mio cazzo.

Michele lecca la figa a Clara

Guardando le sue espressioni facciali, vedendo la sua pura estasi trasudare da lei, mentre Michele stava facendo l’amore con la sua lingua al suo clitoride, mi rapì. Non potevo fare altro che stare lì in piedi e continuare a guardare. Il cuore mi batteva forte e la testa cominciò a turbinare per l’eccitazione di ciò che stavo vedendo.

Michele alzò le gambe di Clara per aria mentre la stava leccando dal culo al clitoride avanti e indietro. Si concesse anche qualche momento per fermarsi e concentrare la sua bocca direttamente sul clitoride. Pensai che stesse succhiando e agitando delicatamente la lingua mentre lo faceva, era proprio la mossa che lei mi aveva insegnato a fare. Ciò rese più difficile la sua lotta per contenere il piacere.

I suoi lamenti stavano diventando più forti e lei stava facendo di meno per contenerli, mentre le sue mani erano impegnate a pizzicarsi i capezzoli e ad afferrare i cuscini. Era come se stessi adorando la Monna Lisa nel modo in cui la sua testa si muoveva e turbinava tra le sue gambe. Con una mano iniziò a toccarle la figa, continuando a leccarla e succhiarle il clitoride. “Oh mio Dio. Sì! Proprio lì. Proprio lì. Voglio venire…“, erano le parole che venivano dalle labbra di Clara, con un tono più acuto.

Michele lecca il clitoride a Clara

Il mio cuore batteva forte e il mio cazzo pulsava. Era diventata la mia pornostar privata. Mi stava facendo impazzire di desiderio, invidia ed eccitazione. Arrivò il suo orgasmo e lei iniziò a schizzare ferocemente su tutto il divano, io pensai che sarei svenuto. Clara non squirtava e sborrava in quel modo quando facevamo sesso, almeno non dal primo anno del nostro matrimonio ormai decennale.

Ti avevo detto che potevo farti squirtare”, disse Michele, mentre si alzava tra le sue gambe sui suoi piedi, chiaramente orgoglioso di se stesso mentre guardava in basso, verso ciò che aveva appena fatto quella che una volta era mia moglie. Totalmente senza fiato con un ampio sorriso lei rispose: “Non vengo così da anni. Voglio dire, Antonio mi fa venire, ma non mi ha mai fatto schizzare in quel modo“. Si sedette e sentì il divano umido sotto di lei dicendo “Cazzo, il divano è un disastro. Perché l’hai fatto?

Michele ridacchiò tra sé e cominciò a slacciarsi i pantaloni. Fortunatamente per lui era già senza camicia o si sarebbe inzuppato. Vederlo lì senza maglietta mi fece capire perché mia moglie gli aveva ceduto. Era alto, una barba che non sembrava quasi reale, spalle da paura e, per finire, essere un attore significava mantenersi in perfetta forma, quindi era cesellato come Dwayne Johnson, prima di fare “Fast and Furious”.

Ora non sto dicendo che io non sono all’altezza, anche io mi mantengo bene ma non del tipo da far bagnare una donna a prima vista. Le parole di Clara mi distolsero dai miei pensieri nel momento in cui disse: “Non possiamo scopare stasera. Mi dispiace“. Michele sembrò deluso quando lei continuò “Antonio è a riposo domani e probabilmente vorrà un po’ di figa al mattino. Non voglio che senta l’odore del tuo sperma nella mia figa. L’ultima volta siamo stati fortunati, era così eccitato, credo che abbia pensato che il tuo sperma fosse la mia crema“.

Michele emise un sospiro rassegnato e cominciò ad allacciarsi i pantaloni e cercare la camicia. Mia moglie quindi disse qualcosa che mi lasciò davvero senza parole: “Che ne dici se, dal momento che hai fatto un ottimo lavoro con me, faccio qualcosa di speciale per te? Sei mancato tanto alla mia bocca. Sai quanto mi piace avere il tuo cazzo in bocca“.

Michele lasciò rapidamente cadere i pantaloni e rimasi senza parole. Anche da dietro potevo vedere il suo cazzo penzolare tra le gambe muscolose. Doveva essere almeno venti centimetri e spesso, come una bottiglia di vino. Clara allungò le mani e afferrò quel gran pezzo di carne. Potevo sentire il suo borbottio su di esso e gemere. Anche se non potevo vedere, sapevo che l’aveva preso in bocca perché Michele aveva tirato indietro la testa e gemeva.

Mia moglie ha una bocca meravigliosa che ti manderebbe nello spazio al primo ingoio. Dopo alcuni minuti di suzione si fermò, lasciò il cazzo dalla bocca con un schiocco, e si spostarono in una parte diversa del divano, probabilmente per schivare la macchia bagnata che aveva fatto prima.

Nella loro nuova posizione potevo vedere che mia moglie aveva il suo grande seno ricoperto di saliva. Ha due belle tette ma pendono come un seno normale e mi fanno ancora venire l’acquolina in bocca. Questa nuova prospettiva mi mostrò anche quanto fosse più grosso il cazzo di Michele di quanto pensassi inizialmente. Il modo in cui mia moglie gli succhiava e accarezzava il cazzo era così eccitante. Clara aveva ricoperto il cazzo di sputo e usava entrambe le mani e la bocca per lavorare sul cazzo enorme di Michele.

Moglie fa un pompino all'amante

Aveva persino tentato, e quasi ci era riuscito, di entrarle tutto in gola. In vent’anni che ci conosciamo, Clara non mi ha mai mostrato questo lato di lei. I pompini che mi aveva fatto erano incredibili, ma quella che stavo vedendo non era mia moglie, era una troia affamata di cazzo.

Questa troia seduta sul mio divano mi aveva completamente coinvolto nello spettacolo che stava mettendo in scena e non aveva nemmeno idea che fossi nella stanza. Clara lo tolse di nuovo dalla bocca, se lo schiaffeggiò sul viso mentre gli diceva quanto fosse buono e come non voleva mai smettere di spompinargli il cazzo. Chi era questa donna e perché non volevo che nemmeno lei smettesse?

Iniziò a succhiarlo di nuovo, pompando più forte con le mani con un movimento contorto. Gli avvolse le palle pesanti con una mano, mentre lo prendeva di nuovo in gola. Michele iniziò a grugnire e gemere forte, pompando i fianchi verso il suo viso. Sapevo che il suo cazzo stava per esplodere. Lei credo lo sapesse, ma non mostrò segni di lasciarlo andare presto.

Il momento in cui iniziò a venire fu chiaro per me, perché mia moglie iniziò a sbavare sborra dai lati della bocca. Sopraffatta dalla sborra Clara si tolse il cazzo dalla gola, tenendolo ancora in bocca. Anche completamente morbido era ancora circa 18 centimetri.

Il mio cazzo era completamente eretto nei miei boxer. Dovetti sparire dalla sala per non essere visto. Tornai nella stanza e strisciai di nuovo a letto. Ascoltai quel si stavano dicendo, sentendoli sussurrare qualcosa l’un l’altro e sentii perfino un bacio prima che se ne andasse. Mi chiedo ancora di cosa stiano parlando.

Clara si fece una doccia nella camera degli ospiti e quando entrò in camera scivolò nel letto, mentre io fingevo di dormire. Si rannicchiò contro di me mentre si metteva comoda nel letto. Non mi sorpresi, era ancora nuda.

Mi baciò sulla guancia e si strofinò a me. Si fermò quando arrivò al mio cazzo. Ero ancora duro come l’acciaio, ma continuavo il mio stratagemma di fingere di dormire, sperando che pensasse stessi facendo un bel sogno erotico.

Si avvicinò all’orecchio e mi sussurrò: “Ti è piaciuto lo spettacolo tesoro?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *