Così scopano i vecchi

Coppia di vecchi perversi

Un comune giovedì sera nella vita di una coppia di innamorati perversi.

È giovedì sera e sono piegata in cucina, ma non è come pensate.
È l’ora delle nostre iniezioni ormonali settimanali e mio marito, da ormai quasi trentun anni, sta preparando le nostre iniezioni.

Mi fa un’iniezione di estrogeni in una chiappa e una di testosterone nell’altra. E ora è il momento che lui si pieghi! È un po’ nervoso e stringe le chiappe sempre di più per l’iniezione di testosterone, perché gli brucia, e così con un leggero urlo, abbiamo finito, fino a giovedì prossimo.

Perché le iniezioni? Io sono una settantaseienne molto attiva, e mio marito ha sessantaquattro anni, e gli ormoni mi trasformano in un’adolescente arrapata e permettono a mio marito di starmi dietro.

Siamo molto innamorati e abbiamo una vita sessuale molto appassionata. Qualcuno potrebbe anche dire perversa.

Mio marito ha messo via le scorte di iniezioni, e io sto preparando la cena mentre lui guarda il telegiornale. Lui è un uomo che lavora ancora sodo, e io sono la sua dea domestica! Porto la cena in salotto su dei vassoi e mi sistemo accanto a lui sul nostro divano dell’amore.

Come al solito, lui finisce la cena prima di me e inizia a navigare in cerca di film porno. Ci piace guardare i porno insieme, e lui sa cosa mi piace!
Sono sempre più eccitata da quello che guardiamo, e non riesco quasi a finire il mio piatto.

Lui sa quanto sono eccitata quando raggiunge attraverso la manica del mio caftano e inizia a far rotolare delicatamente il mio capezzolo duro tra le dita, rendendomi ancora più bagnata!

Poi sceglie un video con una voluttuosa milfona che si fa leccare la sua figa pelosa e bagnata e io perdo l’appetito per il cibo e comincio a desiderare il suo cazzo!

Mi lascia andare a malincuore il capezzolo mentre mi alzo e porto i vassoi in cucina, dove mi tolgo il mio “Grembiulino da Dea della cucina”, e divento la sua padrona!

È tempo che faccia ciò che deve! Gli sorrido dal corridoio, e lui lascia cadere a terra i suoi pantaloni, si alza in piedi e mi segue in bagno.
Indico il pavimento mentre mi siedo sul water, e lui si mette subito in ginocchio.

Allargo le gambe e gli permetto di guardarmi mentre faccio pipì. Riesco a vedere il suo pene crescere, e siccome è stato un bravo ragazzo, gli lascio leccare le ultime goccioline d’oro.

Poi mi sistemo sulla vasca e mi metto sulle mani e sulle ginocchia, così può pulirmi. Mi passa la mano sul culo tonico e rotondo, poi mi allarga delicatamente e mi pulisce il culo con la manichetta per la doccia.
Vedo il suo pene crescere bello duro e lungo mentre lui mi pulisce.

Poi mette giù la manichetta, si appoggia sulla vasca e comincia a venerare il mio buco del culo con la lingua mentre mi fa scorrere due dita nella figa e attiva il mio punto G, sperando di farmi schizzare.

Ansimo per il piacere della sua lingua e delle sue dita invadenti, ma non sarà così facile e spingo la sua testa via mentre mi muovo fuori dalle sue dita e esco fuori dalla vasca.

Comincia ad asciugarmi i piedi e si fa strada quando i suoi occhi si agganciano ai miei capezzoli eretti. Afferro la parte posteriore della sua testa, spingo un capezzolo nella sua bocca aperta, e lui succhia avidamente e lo fa roteare con la sua lingua, inviandomi scosse formicolanti proprio alla figa!

Continua ad asciugarmi mentre lo stacco dal mio capezzolo e lo sposto verso l’altro, la mia figa ora è in fiamme! Lo stacco dal mio capezzolo mentre finisce di asciugarmi, poi si mette in piedi.

Afferro il suo cazzo duro come la roccia e trascino il suo fisico di due metri in camera da letto. Io sono solo un metro e ottanta, e siamo in piedi accanto al letto quando lo tiro verso di me tenendolo per il cazzo.

Comincio a succhiare e a far roteare la mia lingua intorno ad uno dei suoi capezzoli minuscoli, poi mordo duro, facendo saltare e crescere il suo cazzo ancora di più nella mia mano.

Rilascio il suo capezzolo e il suo cazzo, mi arrampico sul bordo del letto, mi appoggio sulle mani e sulle ginocchia e gli presento il mio fantastico culo tonico da palestra.

Si inginocchia e inizia a leccarmi con la sua lingua sopra il clitoride, poi su fra le mie labbra bagnate gocciolanti della figa e comincia a leccare il mio buco del culo.

È un multi-tasker meraviglioso e gioca con i miei capezzoli e il mio clitoride ingrossato mentre aumenta delicatamente la pressione del suo leccare e sonda fino a che il mio culo non si apre ed allora comincia a scoparlo con la sua linguetta.

Io sto gemendo e sono calda mentre toglie la sua linguetta dal mio culo e si alza in piedi dietro me.

Comincia a strofinare la testa viola del suo cazzo duro tra le labbra della figa e sopra il mio culo, lubrificandolo con il suo pre-cum e i miei succhi. Ma non è ancora il momento di infilare il suo cazzo, e gli permetto solo di spingerlo contro il mio buco stretto.

Sento la sua urgenza e rotolo sulla mia schiena mentre si arrampica su di me, e cominciamo a baciarci appassionatamente. Porta le due mani sulle mie tette grandi e le avvicina alle nostre bocche ed entrambi succhiamo i miei capezzoli nel nostro bacio aggrovigliato.

Ma la mia figa sta avendo la meglio su di me quindi gli stringo forte i capelli mentre spingo la sua testa giù tra le mie gambe e lo spingo in quella che è la mia fica bisognosa, contro la sua bocca affamata.

Tengo la sua bocca sopra il mio clitoride mentre succhia e lecca con la sua linguetta, quindi alzo le mie anche e lui guida con entusiasmo la sua lingua in profondità in me, più e più volte, lambendo avidamente i miei succhi scivolosi.

Non sono ancora pronta a venire, ma ho bisogno del suo cazzo e gli chiedo di scoparmi! Mi solleva le gambe mentre si mette in posizione e fa scorrere il suo cazzo duro nella mia fica bagnata, poi mi dà diversi colpi pieni, tirandolo fuori ogni volta, il modo in cui mi piace!

Ma lui sa che non può venire senza permesso, e che la sua padrona può o non può lasciarlo venire stasera.

Gli dico di rotolarsi sulla schiena e mi metto a cavalcioni, fissando il suo cazzo duro contro la sua pancia mentre inizio a strofinare le mie calde labbra bagnate e il mio culo per tutta la lunghezza del suo cazzo.

So quanto ha voglia di infilare il suo cazzo nella mia fica e nel mio buco proibito, ma non così velocemente, tesoro mio!

Smonto e mi metto in piedi sopra la sua faccia strofinando il mio clitoride duro, e lui mi guarda intensamente mentre infilo due dita nella mia fica calda e bisognosa.

So quanto il suono della mia fica bagnata e calda che si sta facendo un ditalino lo eccita mentre mi sbatto il mio punto G fino a quando non schizzo un po’.

Gli dico di accarezzarsi il cazzo duro e lo avverto severamente di non venire mentre sfilo le mie dita luccicanti dalla mia fica e gliele porto alla bocca.

Gli permetto di leccare avidamente e succhiare le mie dita finché son pulite, e lui deve smettere di accarezzare e stringere strettamente la base del suo cazzo, se venisse senza permesso, non lo farò venire di nuovo per una settimana!

Mi libro sopra la sua faccia mentre lo tengo in sospeso, poi mi abbasso sulle ginocchia e gli permetto di succhiare le mie labbra bagnate gocciolanti e il clitoride in profondità nella sua bocca avida.

Ma ottiene soltanto una leccata e una promessa, prima che cominci a scivolare lentamente giù verso il suo petto, fermandomi soltanto per lasciarlo succhiare le mie tette per un momento.

Scorro giù un poco e sfrego il suo cazzo duro su e giù sulla mia fessura bagnata fino a che non faccio entrare la punta nella mia fica bagnata e calda.

Gli dico di lasciarsi andare e di immergersi col suo cazzo tremante. Mi solleva per le spalle in una posizione seduta e seppellisce il suo cazzo in profondità nella mia fica.

Il suo cazzo duro come la roccia lo sento enorme mentre spinge, ancora e ancora, facendomi gemere e schizzare!

Ha un sorriso felice stampato sul viso come mi sente schizzare sul suo cazzo, ma non voglio ancora che lui venga, e scorro sulla sua pancia fino a quando il suo cazzo esce, dritto, poi scivolo indietro e strofino la mia fica calda e stretta, contro il suo cazzo palpitante.

Afferra la base del suo cazzo e ci strofina la punta contro il mio culo mentre spruzza fuori un grande carico di pre-cum e spalma delicatamente il fluido scivoloso nel mio culo con il suo dito.

Poi spinge la punta del suo cazzo contro il mio foro proibito, e io spingo indietro fino a quando la punta del suo cazzo si spinge dentro.

Lo sento teso, e mi lamento mentre un brivido di piacere mi passa addosso!
Lo tiene fermo permettendo al mio sfintere di rilassarsi, e mi appoggio e lo bacio appassionatamente.

Lui tenta di spingere un po’ più avanti, poi spinge un altro po’ e io mi lamento nella sua bocca mentre sento la testa del suo uccello crescere.

Il nostro bacio è intenso e gli succhio la lingua mentre si tira lentamente indietro fino a quando la punta del suo cazzo non è contro l’interno del mio buco proibito.

So che è arrivato al limite quando spinge di nuovo, e sento il suo corpo teso e il suo cazzo pulsare, mentre gli impulsi pompano sperma caldo nel mio culo!

Mi scuoto dalla piacevole sensazione mentre grugnisce con piccole spinte a scatti fino a quando non viene del tutto.

Mio marito riprende fiato, e mentre si muove verso il bagno per pulirsi, io scherzosamente lo rimprovero: “Non ti ho dato il permesso di sborrare!”
Lui mi guarda girando le spalle con un sorriso da pecorella, e io aggiungo: “Ma questa volta ti lascio andare, ti lascio andare!”

So che sborra molto più forte quando non dovrebbe, e sa che amo la sensazione del suo grosso cazzo nella mia fica calda e nel mio culo stretto, e che non fingo gli orgasmi come alcune delle ragazze dei video porno.

Sa anche che posso venire solo con la stimolazione orale diretta, e so che mi aspetta un orgasmo impressionante quando torna dal bagno.

Lo aspetto sdraiata sulla schiena con il mio clitoride palpitante che sporge attraverso le mie labbra gonfie, e sto vibrando con trepidazione mentre torna con un sorriso che va da un orecchio all’altro e si tuffa sul letto.

Afferra le mie ginocchia, sollevandole e aprendomi le gambe mentre seppellisce la sua faccia nella mia calda fica bisognosa.

Mi trasformo rapidamente da umana in un essere che è tutto capezzoli duri e fica calda! Il resto del mio corpo non esiste più.

Adora sentirmi parlare sporco, quindi mentre succhia avidamente il mio clitoride duro e le mie labbra inzuppate nella sua bocca, gli ordino: “Succhia il mio piccolo cazzo!”

Lui succhia, lambisce e sonda e mi strizza i capezzoli con le dita mentre afferro le lenzuola e mi spingo follemente contro la sua bocca. Appena sento arrivare l’orgasmo, sento il bisogno travolgente di averlo in me, e gli ordino: “Scopami!”

So che è completamente concentrato su di me e non ha un’erezione. Ma lui sa cosa voglio veramente, quindi mi infila due dita nella mia fica bisognosa e lavora vigorosamente sul mio punto G.

Le mie gambe cominciano a tremare e fremere di piacere, e la mia bocca emette suoni gutturali che non sembrano umani mentre lui martella il mio punto G e succhia il mio piccolo cazzo fino a quando il mio orgasmo mi travolge, e io urlo fuori di me:”Fottimi, fottimi, fottimi!”

Mi sento un budino di carne esausta mentre ritorno lentamente al mio io umano. Poi vado in bagno per pulirmi e fare di nuovo pipì.

Quando torno, mio marito dorme profondamente mentre io mi infilo nel letto, sapendo che dormirò solo fino alle tre del mattino circa, per poi rimanere sveglia, arrapata e desiderosa che lui torni a toccarmi.

So che dovrei dirgli di tornare a dormire quando lo fa, ma inevitabilmente, lui inizia a passarmi leggermente le dita sui capezzoli già duri, facendomi gemere, e così “eccoci di nuovo”, mentre mi rotola addosso, e io seppellisco la sua faccia nelle mie tette.

Ed è così che scopano gli anziani!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *